• img-book

    Giuseppe Digiacomo

Giuseppe Digiacomo
Categorie: ,

LA CARTIERA DEL PRINCIPE

Dietro le tende rognose del Tropical, a Val d’Ippari, accade qualcosa di grandioso: la razza umana, o meglio la razza siciliana, per graziosa concessione dei suoi massimi Fattori, o sedicenti Fattori, sta per essere giudicata!

Le anime in pena, o meglio in suppillo, raccontano le loro storie saccheggiando a piene mani letteratura, arte, musica, cinema, teatro, storia, storie, nel tentativo di farla franca e di guadagnarsi la beatitudine eterna, giacché i Fattori, nel loro verdetto, terranno conto della loro versione dei fatti,
infischiandosene dei criteri di giudizio del tribunale umano. Incombe su tutti, severa e inquietante, l’onnipresente Morte che scucchiaia una granita ai gelsi neri all’ombra del Mastio. Ma non sarà facile incastrare e condannare la Laparduna, il Soso, Turi Mangiarotti, il Pio, il signorino Pelligra, Tanu Menzampurra e i cento e più personaggi di questo libro irriverente, complesso, dal ritmo strepitoso eppure così vero, umano… anzi, sicano.

 18,00

Quantità:
Informazioni su questo libro
Sinossi

Dietro le tende rognose del Tropical, a Val d’Ippari, accade qualcosa di grandioso: la razza umana, o meglio la razza siciliana, per graziosa concessione dei suoi massimi Fattori, o sedicenti Fattori, sta per essere giudicata!

Le anime in pena, o meglio in suppillo, raccontano le loro storie saccheggiando a piene mani letteratura, arte, musica, cinema, teatro, storia, storie, nel tentativo di farla franca e di guadagnarsi la beatitudine eterna, giacché i Fattori, nel loro verdetto, terranno conto della loro versione dei fatti,
infischiandosene dei criteri di giudizio del tribunale umano. Incombe su tutti, severa e inquietante, l’onnipresente Morte che scucchiaia una granita ai gelsi neri all’ombra del Mastio. Ma non sarà facile incastrare e condannare la Laparduna, il Soso, Turi Mangiarotti, il Pio, il signorino Pelligra, Tanu Menzampurra e i cento e più personaggi di questo libro irriverente, complesso, dal ritmo strepitoso eppure così vero, umano… anzi, sicano.

Dettagli

ISBN: 978-88-5536-000-5
Casa Editrice: ARCHILIBRI
Collana: I dardi
Data di pubblicazione: 2019
Pagine: 171

Incontra l'autore
avatar-author

Giuseppe Digiacomo è nato a Comiso l'8 Aprile 1957. È laureato in Lettere moderne ed è sposato con Sara; è padre di Nunzio e Giovanni. Scrittore, ha pubblicato diversi saggi, romanzi e raccolte di poesie. Nel 1980 pubblica Alchimie per vivere con Sciascia e, sempre con lo stesso editore, nel 1985 Il Giorno fariseo; successivamente nel 1991, ancora con Sciascia, pubblica una "autoantologia" Balena bianca e nel 1993, l'instant book, lo non  sono il boss. Ha vinto il premio di poesia Massarosa ed è arrivato finalista al premio di narrativa Italo Calvino bandito dall' Indice dei Libri.

Solo i clienti che hanno effettuato l'acquisto di questo prodotto possono lasciare una recensione.

  1. Alessandro Di Salvo

    Digiacomo, tra letterarie e salutari autodissacrazioni ed esilaranti incastri linguistici, riversa a piene mani in brevi spazi tutto un significativo preludio che sostituisce prefazione altrui a vantaggio di un fai-da-te che stabilisce immediata confidenza con il lettore. (Mario Grasso)

  2. Alessandro Di Salvo

    Uno dei libri più originali e a suo modo divertenti in cui mi sia imbattuto in questi ultimi anni. (Pupi Avati)

  3. Alessandro Di Salvo

    Tutti protagonisti di una grandiosa e tragica commedia e tutti intenti a raccontare con foga la propria vita al giudice universale. (Salvatore Falzone)

  4. Alessandro Di Salvo

    Dalla prima all’ultima pagina LA CARTIERA non dà tregua al lettore che divora le storie una dopo l’altra. (Franca Antoci)

Nella stessa Collana